Post Image

Al giorno d’oggi sempre più persone che hanno a disposizione delle liquidità decidono di investirle, al fine di evitarne la svalutazione e, possibilmente, di ottenerne un beneficio economico.

Il mercato attuale offre molteplici e differenti possibilità di investimento, offrendo un’eterogeneità di soluzioni tale da rendere spesso difficoltosa la scelta, alla ricerca dell’opzione meno rischiosa e che consenta un beneficio maggiore.

I giocatori di carte di Paul Cézanne,  una delle opere d’arte più costose di sempre.
Una delle opere d’arte più costose di sempre.

Dunque perché investire proprio nell’arte?

La premessa è che anche il mondo dell’arte come settore di investimento racchiude a sua volta un’offerta diversificata, potendo scegliere tra vari ambiti: antiquariato, modernariato e arte puramente intesa, e dunque andando dai dipinti alle sculture, all’arredamento e all’oggettistica, includendo anche i libri.

Il denominatore comune tra tutti è l’essere prodotti il cui valore, e non solo economicamente inteso, è determinato sia dalla loro presenza estetica, ma soprattutto da una vera e propria aurea che li circonda, costituita dalla valenza storica della quale sono portatori, espressione del gusto e della cultura dell’uomo di un determinato momento cronologico.

Colui che investe nell’arte deve quindi, prima di tutto, cogliere questa caratteristica intrinseca del bene e godere esteticamente e culturalmente dello stesso, consapevole di avere a che fare con un articolo unico nel suo genere, un vero e proprio manufatto che si trasforma in un documento storico.

Oltre alla gratificazione personale, l’acquisto di un’opera d’arte o di un mobile di antiquariato può rivelarsi una scelta interessante anche dal punto di vista prettamente economico.

Questi beni infatti vanno annoverati tra i cosiddetti “beni rifugio”, ossia tutti quei prodotti il cui valore non risente dei periodi di difficoltà del mercato e delle borse, mantenendosi costante nel tempo.

Se l’impegno di liquidità in eccesso per non rischiarne la svalutazione era il primo motivo di acquisto di opere d’arte fino agli anni Novanta, con l’inizio del nuovo millennio e la globalizzazione del mercato, si è iniziato a vedere tale attività anche come vera e propria formula che potesse portare un profitto, e non più solamente dalle ristrette élite che disponevano di un cospicuo portafoglio, ma anche dai piccoli e medi investitori.
Lo dimostra il dato secondo il quale ogni anno l’80% dei lotti nelle case d’aste di tutto il mondo sia accessibile a meno di € 5000. (Fonte collezionedatiffany.com)

Perchè investire nell'arte? Sicuramente per la gratificazione personale e per il valore instrinseco di un'opera d'arte

Certamente l’acquisto di un’opera d’arte è una decisione che deve essere ben ponderata a seguito di un’attenta analisi.

Il primo suggerimento che ci sentiamo di dare è avvalersi del supporto di personale qualificato quale può essere un perito e rivolgersi a realtà trasparenti nell’attività di compravendita, potendo dunque conoscere dettagliatamente la complessità di questo mondo e i rischi che vi si possono trovare.
Tra questi deve esserci la consapevolezza che l’investimento in un’opera d’arte non può svincolarsi a piacimento o in qualsiasi momento, non tanto per la perdita di valore del bene (abbiamo già detto come, se ben fatto, l’acquisto di un opera d’arte difficilmente possa portare ad una perdita economica), quanto per la differente situazione del mercato, il quale risente anch’esso delle mode e del gusto del momento e dunque alzando o abbassando la domanda per l’uno o l’altro articolo.

La decisione della categoria artistica nella quale si decide di investire è altrettanto personale e dettata da scelte ben studiate: acquistare un’opera d’arte antica, ad esempio, consente una maggiore sicurezza e stabilità ma differenze nella richiesta del mercato (e dunque di valutazione) possono esservi semplicemente nel soggetto raffigurato, in base alla tendenza del momento; un dipinto o una scultura contemporanei possono invece costituire un azzardo maggiore, ma anche la possibilità di un profitto superiore, laddove l’artista acquisisca fama e importanza negli anni, con una conseguente rivalutazione anche della sua arte.

Nonostante le motivazioni più pratiche che portano a propendere favorevolmente all’acquisto di un’opera d’arte, il fattore estetico-emozionale è il motore di scelte di questo tipo alle quali, diversamente da altri ambiti di investimento, solo in un secondo momento decide di considerare anche il fattore economico.
Acquista in primis chi ama l’arte e ne è attratto.

Ricapitolando, ecco i quattro motivi per i quali conviene investire nell’arte:

1. Per la gratificazione personale che si prova nell’acquistare un’opera d’arte
2. Per la valenza estetica intrinseca dell’opera d’arte stessa
3. Perchè le opere d’arte rappresentano beni rifugio
4. Perchè la maggior parte delle opere d’arte sono accessibili anche a portafogli di spesa inferiori ai 5.000€

The following two tabs change content below.

Anticonline

Ultimi post di Anticonline (vedi tutti)

Carlo Barbiano di Belgiojoso